Luca 17,12-19

“Entrando in un villaggio gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: “Gesù, maestro, abbi pietà di noi!”Appena li vide, Gesù disse loro: “Andate a presentarvi ai sacerdoti”. E mentre essi andavano, furono purificati. Uno di loro, vedendosi guarito tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano. Ma Gesù osservò: “Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?”. Egli disse: “Alzati e va’; la tua fede ti ha salvato!”.

Caro fratello, Cara sorella, con questo passo del vangelo ti invitiamo a lasciare la tua testimonianza su cosa ha fatto il Signore nella tua vita, anche grazie alle preghiere di Padre Ludovico. Ci aiuterai così, oltre che a lodare il Signore anche a restituire al nostro amato Padre Ludovico il giusto merito e l’infinito grazie per aver speso la sua vita per il nome di Dio, per la venuta del Suo regno, per la realizzazione del Suo progetto, per la conversione delle anime, per l’evangelizzazione e la conoscenza  della S.S. Trinità. Per farlo puoi inviarci una mail all’indirizzo di posta elettronica:

testimonanze@nuoviapostoli.it

Oppure puoi compilare il form sottostante.

Testimoniare è rendere gloria a Dio! Pace e bene .

 

LASCIA LA TUA TESTIMONIANZA

Non hai un indirizzo di posta elettronica? Non preoccuparti! Compila direttamente il form e lascia la tua testimonianza.

TESTIMONIANZE

Non è facile spigare a parole cosa prova il mio cuore ma sento il bisogno ed anche il dovere di testimoniare questa grande gioia.
Seguo Padre Ludovico e la comunità dei nuovi apostoli dal 2012, mi sono affacciata alla stessa mediante una mia cara amica ed a seguito di vicissitudini personali di molto inquietanti.

Sono mamma di tre ragazzi, Gianmarco il mediano è affetto da cardiopatia congenita, una vita già travagliata e caratterizzata da due interventi correttivi.

Per la sua patologia io perdo il lavoro, vengo licenziata mentre mio figlio era in terapia intensiva cardiochirurgica del bambino Gesù di Roma attaccato alle macchine che gli consentivano la sopravvivenza.

Quanta crudeltà su questa terra o Signore, quanta insensibilità !!
La realtà di grande sofferenza che in quel periodo mi pervade e che permea negli ospedali pediatrici ha cominciato a operare in me un cambiamento ed un avvicinamento a Dio che ha avuto la sua massima maturazione ed espressione solo dopo la conoscenza del caro amato Padre Ludovico.

Gianmarco è stato portato sempre nel mio cuor in tutte le celebrazioni, è stato portato alcune volte anche fisicamente, il padre ha imposto le mani su di lui.

A seguito di un controllo risalente a Gennaio ultimo scorso ci viene prospettata la possibilità di un terzo intervento perchè il cuoricino mostra un importante dilatazione atrio ventricolare tanto da richiedere ancora una volta la mano del chirurgo.

Raccolgo tutte le mie forze e mi preparo anche a questo. Prego prego prego affinchè il Signore mi sostenesse e mi aiutasse in questo difficile momento senza mai perdere la speranza.

Viene programmato un ecocardio a Marzo 2017 .. ero già pronta ad accettare l indicazione chirurgica quando, con grande stupore ci viene detto che il cuore non mostra più dilatazione che lo stesso è ben compensato e che la valvola ( tricuspide) seppur ancora moderatamente insufficiente non richiede la mano chirurgica.

Ci viene programmato, con serenità, un controllo tra un anno.
Non posso che dare lode a Dio e esultante dico Grazie Gesù, sono certa dell'intercessione di padre Ludovico che non ho smesso mai di invocare, grazie alla preghiera comunitaria perchè ha una forza incredibile ... sono qui a testimoniare che Il Signore riserva grandi meraviglie a chi non smette mai di distogliere lo sguardo da Lui, a chi si abbandona a Lui con fede. Grazie grazie perchè io, seppur indegnamente, sono stata riempita di grazia.

Continua oh Padre, ti prego, a tenere stretto Gianmarco tra le tue misericordiose braccia.

Angela