ARGINE

Quando l’Ira di Dio si accende, le persone di fede sono chiamate a fare argine. Come? Con la preghiera di intercessione, offrendo al Padre le piaghe del Figlio. Nessuno giudichi il fratello! Nessuno si scandalizzi dei peccati altrui, ma preghi per la salvezza delle anime.

ACCUSARE IL DIAVOLO

Davanti alle azioni del demonio noi possiamo accusarlo al cospetto di Dio. Possiamo dire, nel nome del Signore:”ladro! Io ti accuso davanti a Dio perché tu hai rubato salute, felicità e sicurezza ai figli di Dio!”.

AFFRONTARE IL MALE

Chi si limita a difendersi sarà presto logorato. Bisogna affrontare il male nel nome del Signore e quando attacca bisogna ricordargli che sarà presto stritolato sotto i nostri stessi piedi.

ASCESI E PREGHIERA

La via che sale al cielo è una via faticosa ed impegnativa. L’apice della salita è la presenza del Signore. Noi, nella scalata, normalmente siamo caricati di tanti pesi che ci trascinano a terra e ogni tanto ci fanno perdere l’equilibrio. Quali sono questi pesi? Sono le preoccupazioni, i dolori, i peccati, i ragionamenti umani e soprattutto, sono i pensieri, che distolgono la mente da Colui che E’. Lasciamo cadere questi pesi! Stacchiamoci da terra. Noi non apparteniamo più alla dimensione terra, noi apparteniamo al Cielo! Immergiamoci nel vero Giordano che è la Parola di Dio e così, purificati, liberati da ogni pensiero che non è Cristo saremo capaci di correre leggeri fino a raggiungere il premio, Gesù Cristo Signore.

AFFERMARE LA FEDE

Affermare la fede significa imparare a brandire la Spada dello Spirito. Ma come per tutte le cose bisogna fare pratica! Fino a quando? Fino a quando vedremo gli spiriti immondi fuggire via dalla nostra vita confusi e coperti di vergogna.

AFFERMARE IL MALE

Noi, spesso e volentieri, affermiamo il male su noi stessi e così facendo diamo potere al diavolo. Chi afferma il male? Chi elenca continuamente i suoi mali, chi li ricorda spesso, chi li medita giorno e notte, chi li racconta in giro… Anche chi mormora e si lamenta afferma il male! Ricordiamoci dei benefici di Cristo: affermiamo il bene e non il male!

ARMATURA DI DIO

Noi siamo un popolo guerriero ed il Signore ci manda in guerra ben armati. Prima di scendere in battaglia ricordiamo di indossare l’elmo della salvezza, la corazza delle buone opere e lo scudo della fede con il quale possiamo respingere tutti i dardi infuocati che il maligno ci lancerà contro (Ef. 6,10). Impugniamo poi la spada dello spirito, che è l’arma potente della parola di Dio. A questo punto, ben armati e pronti a partire, facciamo attenzione a non andare scalzi: ricordiamoci di indossare anche i calzari dello zelo per l’annuncio del vangelo!